Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Login Form

Twitter feed

  • Piramide-matrioska

    Piramide-matrioska di Chichen Itza

    L'archeologia è una scienza affascinante. Studia le civiltà e le culture umane del passato e le loro relazioni con l'ambiente circostante, mediante la raccolta, la documentazione e l'analisi delle tracce materiali che hanno lasciato.La piramide di Chichen Itza è una piramide nell'altra. Gli archeologi hanno scoperto che il tempio di Kukulkan, nel sito archeologico di Chichen Itza (nello Yucatan) nascondeva un'ulteriore terza piramide dentro le prime due. La piramide pre-colombiana, alta 30 metri, nascondeva infatti al proprio interno una seconda piramide, di 20 metri; dentro quest'ultima, gli archeologi hanno scoperto un'ulteriore piramide, di 10 metri, avvistata utilizzando una tecnica di scanning non invasiva. La scoperta è particolarmente importante perché aiuta a gettare luce sulla civiltà dei Maya, prima che arrivassero popoli stranieri dal Messico centrale. La datazione è stata fatta risalire ad un periodo tra il 550 e l'800, per la piramide più piccola; tra l'800 e il 1000 per la piramide di mezzo, la cui scoperta risale al 1930; infine l'ultima piramide, la più esterna, sarebbe da collocare tra il 1050 e il 1300.

     
  • Il nostro territorio: Soveria Mannelli, comune da studiare

    Paese da studiare e imitare, Soveria Mannelli

    Non tutti conoscono questo piccolo comune nella provincia di Catanzaro e in molti non sapranno che è diventato un caso studio. Per il comune di Soveria Mannelli si è scomodata anche l’ambasciata cinese che ha spedito fra i boschi della Sila una sua delegazione. Obiettivo della missione carpire il segreto di un paesino di appena tremila anime situato nel cuore profondo della Calabria che è divenuto un modello da studiare e replicare. Alcune tra le più importanti aziende calabresi hanno qui la loro sede, l’informatizzazione della pubblica amministrazione è una realtà da oltre un decennio. Artisti, politici, studiosi di ogni sorta, per tutti Soveria è divenuta meta di pellegrinaggio. Vittorio Sgarbi e Giordano Bruno Guerri sono stati assessori di questo piccolo Comune, Fabrizio Plessi ha realizzato qui la più grande video-installazione d’Italia, l’ex ministro Fabrizio Barca lo ha individuato come punto di riferimento per la strategia nazionale sulle aree interne. Da ultimo Giulio Tremonti ha scelto questo paese per calcolare un nuovo Pil che tenga in considerazione non solo i parametri economici ma che possa misurare anche «la felicità del cittadino». Qua la tecnologia è arrivata prima rispetto a molti altri comuni o città di medio-grande dimensione. Era il 1999 e neanche Palazzo Chigi aveva un indirizzo mail. Un dipendente scrisse all’allora presidente del Consiglio Massimo D’Alema.  L’idea era quella di fare di Soveria Mannelli il primo paese informatizzato di Italia. Riuscì a ottenere i finanziamenti e in pochi anni a consegnare un computer per ognuna delle 800 famiglie residenti, uffici e associazioni presenti nel paese. Nel 2003 il Censis ha certificato il traguardo. Ma non basta, nel 2005 è stato il primo sindaco ad approvare in diretta streaming il bilancio comunale, nel 2008 ha dotato il paese di una rete wi-fi completamente gratuita. Da anni ormai i cittadini possono richiedere e compilare documenti e moduli online: «Una piccola smart city? Forse.

     
  • Il giornale che fiorisce

    Il giornale che fiorisce arriva dal Giappone

    Le novità strane molte volte arrivano dal Giappone. Ora si tratta di un quotidiano incredibile, infatti fiorisce. Le pagine del giornale, sono ricche di semi. Perciò, una volta lette le notizie quotidiane, i lettori possono sminuzzare, piantare e innaffiare il giornale, attendere che germogli e contribuire a rinverdire il pianeta.L’idea è venuta all’editore di The Mainichi, testata nipponica con una tiratura di 4,6 milioni di copie in tutto il paese. Il quotidiano verde ha riscosso un successo immediato che è rimbalzato sui media portando all’editore un guadagno addizionale di oltre 80 milioni di yen (oltre 600 mila euro). Un’opportunità economica interessante, quindi, ma anche un modo per sensibilizzare il pubblico alle questioni ambientali. Il quotidiano verde è stato anche portato nelle scuole e utilizzato durante le lezioni sull’ambiente. Guarda il video: Green Newspaper  

     
  • Strisce pedonali colorate

    Un nuovo modo di dipingere le strisce pedonali

    Anche le solite strisce pedonali possono trasformarsi in vere opere d’arte. Il progetto si chiama Funnycross ed è un'idea dell’artista bulgaro Christo Guelov, che ha deciso di sfruttare gli spazi delle classiche linee bianche dipinte sull’asfalto per dare vita a coloratissimi mondi popolati di bolle, triangoli e decorazioni varie. Succede, per la precisione, in quel di Madrid, dove alcuni attraversamenti pedonali sono stati rivoluzionati con qualche sapiente tocco di colore, acquistando inevitabilmente tutto un altro fascino. Ma non si tratta solo di un restyling estetico.  Secondo Guelov evidenziare le strisce bianche con decorazioni ad hoc potrebbe aiutare in qualche modo a richiamare l’attenzione degli autisti.Garantendo così un attraversamento più sicuro ai pedoni di passaggio.

     
  • La Apple sceglie Napoli

    Napoli: sede della prima iOS Developer Academy in Europa

    Il piano è stato annunciato a gennaio da Tim Cook, CEO di Apple, e dal premier Matteo Renzi. Dalla firma del contratto effettivo (mese di maggio) all’inaugurazione invece, sono passati solo quattro mesi, una velocità alla quale l’Italia non è troppo abituata. E invece è nata la prima iOS Developer Academy in Europa, ospitata dall’Università di Napoli Federico II. La collaborazione con Apple ha portato la creazione di un’Academy dove gli studenti acquisiranno le conoscenze e le competenze pratiche allo sviluppo di app. I primi duecento studenti ammessi saranno divisi in due gruppi: il primo, è già al lavoro adesso e finirà a giugno 2017 mentre il secondo, che comincerà a gennaio, finirà a settembre 2017. Nove mesi di corso progettato e supportato da Apple, con una struttura dedicata presso il nuovo campus dell’Università a San Giovanni a Teduccio. Durante il primo semestre, i corsi avranno l’obiettivo di migliorare ed elevare le competenze degli studenti nello sviluppo software su iOS; durante il secondo semestre gli studenti parteciperanno a corsi sulla creazione di start up e progettazione di app, e collaboreranno fra loro per la creazione di app che potrebbero eventualmente arrivare all’App Store.